Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Nella ricorrenza della festa di San Francesco, un video dedicato alla chiusura della celebrazione cristiana annuale di preghiera e azione per la nostra casa comune, partita il 1° settembre scorso e intitolata «IL TEMPO DEL CREATO».

Il Gruppo Anziani Giovani del MtE, inserendosi nella XVI Giornata Nazionale promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana, intende condividere la Giornata Mondiale dedicata al Creato con un appuntamento, on line il 1° settembre alle ore 15, su piattaforma ZOOM cliccando sul LINK che verrà comunicato ai soci interessati.

È un’occasione per riflettere e interrogarci, anche con riguardo ai nostri comportamenti, su quanto sta accadendo intorno a noi, a cominciare dagli effetti che il cambiamento climatico sta provocando sulla nostra e unica Casa Comune. Fonte di ispirazione dell’appuntamento sono le Encicliche di Papa Francesco «Laudato Si’» e «Fratelli tutti», ma anche le belle esperienze concrete che saranno illustrate nel corso dell’incontro.

L’obiettivo è quello di sollecitare un impegno corale e specie degli anziani giovani affinché si rendano interpreti e testimoni di azioni di recupero, valorizzazione e rigenerazione dei doni del Creato.

A questo LINK potete scaricare il documento preparato per l’incontro, contenente il programma, alcune indicazioni e la preghiera.

MESSAGGIO PER LA 16ª GIORNATA NAZIONALE PER LA CUSTODIA DEL CREATO – 1° SETTEMBRE 2021
CAMMINARE IN UNA VITA NUOVA – LA TRANSIZIONE ECOLOGICA PER LA CURA DELLA VITA

La 16ª Giornata Nazionale per la Custodia del Creato vede la Chiesa che è in Italia in cammino verso la 49ª Settimana Sociale dei cattolici italiani, che avrà per titolo «Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tuttoèconnesso». La strada che conduce a Taranto richiede a tutti un supplemento di coinvolgimento perché sia un percorso di Chiesa che intende camminare insieme e con stile sinodale. La speranza che ci muove alla cura del bene comune si sposa – sottolinea l’Instrumentum Laboris – con un forte senso di urgenza: occorre contrastare, presto ed efficacemente, quel degrado socio-ambientale che si intreccia con i drammatici fenomeni pandemici di questi anni. «Il cambiamento climatico continua ad avanzare con danni che sono sempre più grandi e insostenibili. Non c’è più tempo per indugiare…