MOVIMENTO TERZA ETÀ Milano2021-04-30T18:05:06+02:00

“Lo Spirito Santo ancora oggi suscita negli anziani pensieri e parole di saggezza:
la loro voce è preziosa perché canta le lodi di Dio e custodisce le radici dei popoli.
Essi ci ricordano che la vecchiaia è un dono e che i nonni sono l’anello di congiunzione tra le diverse generazioni,
per trasmettere ai giovani l’esperienza di vita e di fede”.
(Papa Francesco
– Istituzione della Giornata mondiale dei nonni e degli anziani)

Santa Maria Serva della Parola.
Una preghiera di don Tonino Bello per questo mese di maggio 2021 (LINK)

Martedì 30/03/2021, alle ore 15,00, come preparazione e introduzione al Triduo Pasquale, abbiamo assistito ad una Sacra Rappresentazione sulla S. Sindone  via ZOOM – dal titolo: «Quel Lenzuolo di Lino». A questo LINK potete scaricare i testi.
A questo LINK potete vedere il filmato.

Durante l’Angelus di domenica 31 gennaio, Papa Francesco ha istituito la “Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani”, collocandola nella 4ª domenica di Luglio, in prossimità delle festa dei Santi Giochino ed Anna (26 luglio), i nonni di Gesù.  A questo LINK l’intervento del S.Padre. 

Prossime sedute del Consiglio Diocesano 2021:

11 maggio alle ore 9:30

23 giugno alle ore 9:30

Per i noti motivi di emergenza sanitaria, per venire incontro alle esigenze dei vari gruppi parrocchiali, informiamo che sarà sempre possibile effettuare le iscrizioni al Movimento. Per qualsiasi informazione chiamare il numero 02 58391334. Grazie

Quanti desiderano pubblicare articoli e/o altro materiale divulgativo dell’attività del proprio Gruppo su questo sito,
possono inviare gli elaborati alla Redazione (Carlo) al seguente indirizzo mail: redazione@mtemilano.it

UNA VIGNA

O Signore, da 74 anni tu curi questa vigna:
la scalzi, la rincalzi, la poti, le dai acqua,
la ingrassi, la tagli.
Grazie.
Quella che mi hai dato è merito soltanto del tuo sudore
e del tuo Sangue.

Ora è vecchia, distorta, avvizzita.
Ma nei pochi mesi o settimane o giorni che ancora vorrai concederle non stancarti – Signore – di averne cura; così che prima di diventare legna, soltanto legna, ancora un acino tu possa gustare da lei: dolce, gustoso, saporito. Un altro, ultimo frutto
del tuo lavoro e del tuo Sangue.
Accogli il desiderio estremo della tua vecchia vigna: morire con la tua Grazia e nel tuo Amore.

Da uno scritto di un mistico del ‘900.

L’IMPEGNO

Il testo ci richiama la vita in comunione con Cristo da cui tutto ciò che possiamo fare, in ogni giorno della nostra vita, prende ed ha significato.
È un’immagine di fecondità in cui non solo l’acino d’uva ma la stessa legna torna utile, ed è un’immagine, quella della vigna, che richiama l’opera di chi coltiva e sappiamo che quest’opera non è solo nostra ma che ha valore l’impegno che ci mettiamo.

Torna in cima